Saturday, November 17, 2007

Le solite americane

Ciao ragazzi!

Leggo spesso un bel blog che si chiama Firenze Night and Day (potete vedere il link qui a destra). L'autrice è bravissima, e gira parecchio per Firenze alla ricerca di nuovi locali e cose divertenti da fare.

All'occasione del 31 Ottobre, che da noi, e vedo anche ora un po' da voi, è la festa di Halloween, quando si va in giro in maschera, lei ha inserito un argomento in cui diceva che quella sera c'era poca gente in giro in centro a Firenze.

Nelli ha scritto: "Escluse le solite americane seminude e ubriache - stavolta pure in maschera - non c'era molta gente."

Mi ha colpito.

Innanzitutto, mi affretto a dire che essendo americana e avendo vissuto a Firenze, non metto in dubbio che spesso le americane in giro per Firenze sono ubriache (seminude, non so; cioè, le ragazze americane sono più scoperte di ragazze italiane? Non so; mi piacerebbe sentire altri pareri).

Quello che voglio dire è che mi rattrista molto che ci sono dei stereotipi della mia razza (se si può chiamarla così) che sono abbastanza antipatici.

Ripeto: sono sicura che Nelli ha ragione, e ragazzi, date un'occhiata al suo blog. Si capisce subito che gli americani e l'America non le stanno antipatici (i suoi film preferiti: i film con Bruce Willis!). Quindi, lei lo dice perché è vero!

Mi dispiace molto che noi americani spesso ci facciamo vedere a Firenze, ovvero in Italia ovvero in Europa, ubriachi e seminudi (i maschi americani vanno sempre in giro in pantaloncini quindi includo anche loro). Nelli non l'ha detto, ma a volte andiamo in giro anche gridando (in inglese, sempre in inglese!) e facendo casino senza preoccuparci dell'altra gente che ci sta intorno.

Come popolo, siamo anche molto accoglienti e molto aperti e disposti a fare quasi tutto (ad esempio, vivere all'estero per incontrare nuove culture e modi di fare, e fare amicizia con ogni tipo di persona). Spero che a volte gli italiani riescano a vedere anche quelle caracteristiche.

Commenti? Nelli?

10 comments:

Anonymous said...

Purtroppo gli stereotipi ci sono per ogni nazionalità, per ogni gruppo.
E purtroppo in genere gli sterotipi si fanno con aspetti negativi, che sono quelli che saltano più all'occhio agli estranei.

Anche noi italiani, quando siamo all'estero, siamo in genere etichettati gli spaghetti, con la mafia. Oppure siamo quelli che sanno cantare, o che fanno sempre sciopero, o che sono mammoni.
Ovviamente sono tutti aspetti che fanno parte di noi in una certa misura, ma non si potrà mai dire che il 100% del popolo italiano si riconosca in totale in quell'aspetto.

E così anche per le altre nazionalità.
Dato che magari qui americani e inglesi si fanno spesso notare perché sono ubriachi già alle 7 di sera, ecco che nasce questa "identificazione", ma sappiamo bene anche noi che non tutti bevono a pù non posso e girano per strada ubriachi.

Ciao

Lucy
(ovviamente per il sondaggio sulla città più bella ho votato Firenze, ma ne sono convinta)

Compagno di merende said...

Pienamente d'accordo con te.
Però...volendo mettere i puntini sulle i, se davvero le ragazze
americane vanno in giro seminude....evviva le ragzze americane :-D

Nelli said...

ciao grazie per la citazione.

innanzitutto devo dire che non ho niente contro le americane e l'America (ho diverse amiche e mi è piaciuto viverci per qualche mese in passato). ma questo penso si capiva..

in genere non amo nemmeno gli stereotipi. ma quello che racconto non è un pregiudizio, è quello che vedo andando in centro.
le americane a Firenze nei locali sono purtroppo ubriache e seminude (una fiorentina in pieno inverno mai metterebbe i sandali senza calze, nè la minigonna e canottierina.. senza cappotto! ok le fiorentine sono persino troppo conformiste ma a novembre si coprono con maglioni e sciarpe! e se vanno in centro di notte da sole non girano in gonnelline corte neppure d'estate, perchè sanno che non è il caso purtroppo).

so bene che questo è solo una parte di loro, ma è la parte che chiunque vada in centro la sera vede. e la cosa mi rattrista. soprattutto perchè sono il bersaglio preferito di tanti italiani in caccia di avventure facili.. e non solo italiani. mi dicono che in discoteche come l'andromeda o lo space non vedano un fiorentino da anni!!!

in centro a Firenze ci sono tanti locali dove puoi bere in gran quantità con 2-3 euro.
che poi sono locali in cui i fiorentini non entrano mai.

di recente ho portato con me a giro una stagista newyorkese per farle vedere i divertimenti e i locali dei fiorentini.

è vero: anche i ragazzi italiani si ubriacano, ma non tutte le sere che escono e così visibilmente per strada.
ma la cosa che mi impressiona di più sono le ragazze. io di amiche che bevono tanto tutte le sere che escono ne conosco davvero pochine.

è difficile trattare di questi argomenti senza dire banalità e scadere in luoghi comuni. ma da fiorentina dico è un peccato che questi ragazzi americani colgano solo un aspetto di Firenze.

vaccamaister said...

bhe se te le vedi con l'occhio da fiorentino è chiaro che ti scandalizzi perchè vedi la ragazza semi nuda ubriaca.
Apparte che non tutte sono così, ma la maggiorparte è vero che lo fa.
Io studio e come lavoro per pagarmi vari sfizzi porto in giro per Firenze e tutta la Toscana varie comitive di ragazzi americani che studiano al college e fanno una sorta di erasmus.
Molte volte mi invitano in America e le poche volte che ho la fortuna di andarci capisci tutto.
Loro sono qua a migliaia di chilometri dalla propria casa, c'è un oceano di distacco, e porca miseria si sentono liberi di osare,
di fare tutte le cose che a casa non potrebbero fare e su questo do tutto la comprensione.
Mi dispiace solo quando sento parlare di stupri, e badate non è colpa dell' americana ubriaca, ma dello stron** che se ne approfitta.
Per due o tre giorni fanno li amici poi ti chiedono se vuoi dormire a casa da lui e ti fregano.
Questo lo dico perchè ne ho sentite tante di storie così.
Quindi l'unica cosa che posso dire è di divertirsi ma di non dare troppa fiducia a uno sconosciuto.
E per finire direi
GOD BLESS AMERICA

andrea said...

Sono di Viareggio e vivo a Firenze ormai da 8 anni ed ho capito che la città morta se non fosse per gli studenti/esse americani che la popolano.
In tutti questi anni avrò conosciuto 3/4 indigeni che concordano con me sul fatto che i fiorentini non sono socievoli,non sono padroni della propria città, e non fanno nulla per viverla a pieno.Ergo, il centro si è trasformato in conseguenza alla richiesta turistica in una sorta di Las Vegas... cioè una città che è conpletamente staccata dal tempo e dalle esigenze di un cittadino del 2009 che esiste e viene tenuta ,cristallizzata,così, solo per immagine e il ritorno turistico, e no per esigenza!
Gli americani che spendono un semestre lì si comportano ne più ne meno come uno studente/essa italiani in erasmus, escono e ravvivano la città.
Non mi è mai capitato dei vedere una rissa tra americani o un americano dare un calcio ad un bidone della spazzatura tanto per fare il furbo ,al contrario di albanesi marocchini, italiazni o fiorentini stessi.

Riguardo alle donne...Sono bellissime, sensuali e hanno tanta vitalità, cosa che le nostre ragazze hanno perso, stressate dalla scuola , dalla mamma o dal fidanzato che non vuole che esca da sola!...le americane si mettono sempre le gonne e le scarpe col tacco e non quei cazzo di jeans e gli stivali pure a luglio per andare al mare ed essere fashion pure lì!...si vestono da donne e fanno impazzire gli uonini perchè sono belle , bionde sensuali e liscissime...e le nostre donne lo sanno e le odiano ,perchè non essendo in casa loro non si possono lasciare andare per non "rovinarsi l'immagine", cosa che naturalmente capita qualdo sono in vacanza , che sia Sardegna, Grecia,Londra o comunque lonano da sguardi indiscreti!

Comunque per chi si lamenta di stranieri che bevono troppo , andate a fare un giretto nelle varie piazze della città! prima tra tutte S.Croce, che è popolata da italiani principalmente... Quello è il luogo dove una "serata divertente" viene spesa, tra birre moretti portate da casa e canne!
che per me non solo no è un divertimento, ma è una sofferenza, una cosa che non condanno comunque fine a se stessa, ma diventa spiacevole e triste quando rimane la sola cosa sinoinimo di divertinemto,festa, relax...e anche se me le facessi comunque non potrei mai considerare di passare un sabato sera seduto tra le cicche e con la mia birra della Standa e una canna da passare agli amici.
Per poi andare a casa ubriaco, fumato, ma con fare poco appariscente e vestiti succinti (nel caso di ragazze)!

Scusate l'anomalia, ma se sento un rumore di tacchi avvicinarsi e vedo passare delle belle ragazze socievoli , magari bionde, alte e vent'enni, io preferisco spendere energie per conoscere gente nuova piuttosto che parlare male di Berlusconi (per esempio) e crecare di stordirmi col mio gruppetto di indimi conoscenti per tornare poi a letto puzzolente e da solo!!

Opinione di uno che è stato 10 mesi in erasmus, ceh ha gurato l'europa in aereo , treno , camper e moto.
E che fortunatamente ha avuto l'opportunità di conoscere bene ragazze Italiane, tedesche, danesi....e pure americane naturalmente! Tutte briache e non!

Viva le americane ! Belle, esuberanti amichevoli e emancipate!
Abbasso l'invidia !

PS.
Il 20 giugno me ne sposerò una di americane! quindi sono un po' di parte , ma la mia opinione è nolto diffusa, ve lo assicuro!

Andreasmodato.

Eugenio said...

Andrea, ero in procinto di scrivere tutto quello che hai detto tu, e poi mi sono accorto che qualcuno lo aveva già fatto.

Le americane colorano la città di firenze e la riempono di modernità.

a leggere le parole di Nelli vengono i brividi. sembra di sentire un estremista islamico che condanna le donne che non portano il burka.
D'altra parte è storia vecchia, le italiane non sono libere ed emancipate, culturalmente, come le donne occidentali, e sono una via di mezzo tra loro e le donne arabe.

leggete cosa scriveva Gulio Evola in un articolo di giornale degli anni '50 a proposito delle donne italiane e delle donne Berlinesi/Parigine.
NON E' CAMBIATO NULLA.

Io sono di Arezzo e ho vissuto 10 anni a Firenze, prima per studio poi per lavoro. in 10 anni ho conosciuto gente di tutto il mondo ma non sono riuscito a stringere amicizia che con un paio di fiorentini, forse anomali.

Non conoscono la loro città AFFATTO. sono rimasti bloccati al rinascimento, sia come cultura che come apertura mentale.

Possiedono forse la città più internazionale di Europa (d'estate Firenze ha più turisti stranieri di Parigi!!) che conta MIGLIAIA di studenti da tutto il globo che vengono a studiare e a visitare la città in pianta stabile per almeno 3 - 6 mesi, e non approfittano assolutamente di questa cosa!
Ho viaggiato molto in Europa e non esiste un'altra città che ha la scena internazionale così densa come quella fiorentina.

io adesso vivo in Canada e ringrazio Firenze per avermi fatto da trampolino di lancio; ho amici in tutta europa e ho avuto la possibilità di imparare le lingue e le culture senza dover vivere in 100 paesi diversi. ho avuto la possibilità (e a me a un certo punto sembrava una cosa normale) di convivere con cittadini provenienti da tutto il mondo e l'ho considerata una cosa bellissima.

I giovani fiorentini, in gran parte perchè vivono con i genitori fuori dal centro, si perdono tutto questo ed è un paradosso dei nostri tempi. Per loro avere l'università in casa è quasi una condanna.

Anonymous said...

Andreasmodato...adesso ho capito tutto!!
Ti sposi un'americana, perchè sono belle, esuberanti e emancipate: ah ah ah ah!!!!
Sono belle esuberanti e emancipate oppure sono ingenue e facili da portare a letto perchè ti aprono subito le gambe??? Cosa che ad un uomo questo non dispiace!! (Ti assicuro che ANCHE LA MIA OPINIONE è molto diffusa).
La tua storia mi ricorda la pubblicità del gratta e vinci: TI PIACE VINCERE FACILE!!!

N.b: Tutta la vita le italiane (anche per diversi motivi)

Christian loko79 said...

Anonymus delle 6.21 le ragazze non si fanno portare a letto ci vanno perché fa piacere anche a loro è un godimento reciproco.... Il tuo è il tipico ragionamento da italiota dove il sesso deve essere centellinato, quasi fosse un premio, un contentino che la donna da a un uomo perché ha fatto il bravo, o perché ti può ritornare utile.... Il classico ragionamento ipocrita, e poi vedi le italiane in vacanza all estero darla a cani e porci come se non ci fosse un domani. Per carità ci sono donne che se la godono anche in Italia, che non si preoccupano dei giudizi delle altre, che se vedono uno che le piace ci vanno senza tanti problemi incuranti di chi vive troppo per il giudizio degli altri, che magari le chiama troie.... Ma poi è la prima che appena conosce uno chiede che lavoro fa e che auto ha per capire se ne vale la pena o meno

Christian loko79 said...

Anonymus delle 6.21 le ragazze non si fanno portare a letto ci vanno perché fa piacere anche a loro è un godimento reciproco.... Il tuo è il tipico ragionamento da italiota dove il sesso deve essere centellinato, quasi fosse un premio, un contentino che la donna da a un uomo perché ha fatto il bravo, o perché ti può ritornare utile.... Il classico ragionamento ipocrita, e poi vedi le italiane in vacanza all estero darla a cani e porci come se non ci fosse un domani. Per carità ci sono donne che se la godono anche in Italia, che non si preoccupano dei giudizi delle altre, che se vedono uno che le piace ci vanno senza tanti problemi incuranti di chi vive troppo per il giudizio degli altri, che magari le chiama troie.... Ma poi è la prima che appena conosce uno chiede che lavoro fa e che auto ha per capire se ne vale la pena o meno

Unknown said...

Anonimus delle 6:21 :
Ne son passati di anni dal mio precedente commento!
Beh...ti posso dire che ho visto molte gambe aperte di tante nazionalità diverse, soprattutto italiane (dato che vivo in Italia).
E l'americana alla fine l'ho sposata pechè l'amavo e non perché me l'ha data prima delle altre! (adesso abbiamo un bambino di 2 anni)
Se fossi un'approfittatore di certo non mi sarei sposato! E puoi star sicuro che non ho sposato nemmeno la prima che me l'ha data!

Consiglierei piuttosto a te di fare un po di esperienza, in modo tale che tu possa inmamorarti senza pregiusizi.

Riguardo alla politica del VINCERE FACILE potremmo aprire uma discussione infinita.
Comunque ultimamente mi sembra che anche le italiane la "smollino" abbastanza facile, soprattutto quando sono fuori da sguardi indiscreti (in 10 mesi di erasmus ho "conobbi da vicino" più italiane che se avessi passato l'anno in Italia. Statisticamente una cosa strana, no?

Devo dire comunque che mi fa molto piacere leggere le opinioni della maggior parte dei commentatori che la vedono esattamemte come me.

Ultimo punto riguardo al SEMINUDE :
ricordo quando la mia, allora, ragazza veniva a trovarmi per natale a Firenze/Viareggio e si meravigliava di come tutti avessero freddo e fossero stravestiti anche se c'erano 18°C.
Lei che al tempo viveva in Colorado ( con um clima molto più rigido del mostro) si permetteva di mettersi la minigonna la sera perché ler lei non c'erano problemi di temperatura.
Gli unici problemi erano gli sguardi della gente, non abituati a vedere coscine fuori stagione!
Evidentemente per noi il problema era solo altrui dato che lei se lo poteva permettere ed a me piaciono le gonne corte!!!