Saturday, June 14, 2008

"Gomorra": Angelina Jolie


Finalmente ho cominciato a leggere "Gomorra," il libro sull'organizzazione criminale Camorra di Roberto Saviano.

E' un pezzo che il Nostro Inviato mi ha riportato il libro da una libreria a Caserta (sì, mi fa ridere che lui l'ha comprato lì). A me piace guardare i libri italiani senza leggerli subito. Li guardo, li guardo, mi fa piacere che ci sono, li tocco, studio le copertine, poi li leggo.

Mi sa che l'autore avrebbe potuto organizzare l'informazione nel libro meglio. Mi sembra un libro che si occupi più di riassunti che di episodi individui con dettagli che ti possono convincere della tesi del libro. Cioè, ogni pagina ha dei brani generali con dei concetti grandi e complessi -- informazione che sarebbe adatto per un'avviamento.

Allo stesso tempo, devo dire che il titolo del secondo capitolo, "Angelina Jolie," mi ha incuriosito molto. Leggendolo, non ho capito il senso fino alle ultime pagine.

Se ho capito bene, la zona vicino a Napoli che è sotto il controllo della Camorra ha a che fare con la gran parte dell'alta moda che c'è al mondo.

Ma la lavorazione sui tessuti non va fatto in maniera lineare -- cioè, una ditta legale non vince l'appalto direttamente da Versace per produrre una quantità di vestiti. Invece la Camorra organizza la distribuzione del lavoro.

I consumatori negli USA, o ovunque, non sanno per niente che hanno comprato un capo carissimo che è stato prodotto da una ditta gestita in qualche maniera dalla Camorra.

E quindi Angelina Jolie, l'attrice, molto probabilmente non sa che il completo che ha indossato qualche anno fa per il ceremonio dei premi Oscar fu creato da un dipendente di una ditta scelta dalla Camorra.

E quel dipendente, che è stato intervistato da Saviano e che appare sul libro, non sapeva che quel completo l'avrebbe indossato la Jolie. Ed è rimasto sbalordito quando ha visto la Jolie in tivù che indossava il completo.

Mica che lui può aggiungere l'onore al curriculum vitae perché il lavoro non era legale.

Non ho ancora finito di leggere "Gomorra," quindi forse avrò altro da dirne. Ma ora mi fermo qui perché devo andare a comprare una pianta per regalare al mio babbo. Domani in USA è la festa del babbo.

No comments: